Il tuo carrello

Car Tales:
Ferrari 8 cilindri,
stirpe vincente

"Una Ferrari è una versione in miniatura di Dio". Jeremy Clarkson ha sempre saputo come definire al meglio una Ferrari. Il Cavallino Rampante ha sempre imposto un approccio particolare quando si discute della sua storia: parlare i dati tecnici e di numeri sembra quasi sempre inappropriato in riferimento a queste auto.

Numeri, termini tecnici e tutto ciò che abbia a che fare con l'ingegneria non sembrano applicabili ad una Ferrari. Dopotutto, qualcosa di speciale non può essere descritto soltanto usando dei numeri, vero? Tutti noi che siamo nati senza il talento d’interpretare il mondo attraverso la meccanica, possiamo accontentarci di dire che le Ferrari sono la rappresentazione dei nostri sogni di appassionati di auto.

C'è molto di più di un mito in questo nome: ogni auto fatta a Maranello rappresenta l'aspirazione assoluta in termini automobilistici. Le Ferrari sono capaci di trascendere le idee di bellezza e di velocità, in quanto rappresentano il carattere di Enzo Ferrari. È la filosofia "un uomo, un'idea", che alla fine sa sempre come creare qualcosa di unico: per fare qualcosa con le tue forze, hai sempre bisogno della forze di un intero esercito dentro di te. Questo è quello che ogni Ferrari riflette, il bruciante desiderio di vincere di un uomo solo. Non è semplicemente una questione di essere veloci in una corsa, è come far accadere le cose, riuscendo ad essere un vincitore costante.

La dinastia delle classiche berlinette 8 cilindri 2 posti stradali ha sempre rappresentato una famiglia vincente di Cavallini Rampanti. Sin dall'introduzione del primo modello nel 1976, la 308 GTB, queste supercar hanno sempre rappresentato la Ferrari quintessenziale: appariscente, altamente desiderabile e fantastica da guidare. Non sono mai così complesse come le prestigiose GT V12 a motore anteriore, ma sono senza dubbio carismatiche come ogni Ferrari sa essere. Questa famiglia di Cavallini Rampanti appartiene alla stirpe delle famose 206 e 246 Dino con motore V6 degli anni 60, auto che hanno saputo rivoluzionare il mondo delle supercar.

Con l'introduzione nel 1993 del campionato monomarca Ferrari Challenge, la famiglia delle 8 cilindri a motore posteriore centrale fu arricchita da una nuova serie di auto stradali "pronto corsa". Il Challenge fu concepito come un campionato per i Gentleman Driver e la Ferrari produsse un'auto apposita da vendere ai clienti per potervi partecipare, la 348 Challenge, che era una versione più leggera e potente rispetto al modello di serie. Nel 1995 fu rimpiazzata dalla 355, che ad oggi rimane l'ultima vera auto del Ferrari Challenge nata con l'omologazione su strada. Con l'introduzione dell'avanzata e più estrema 360 nel 2000, divenne impossibile ottenere l'omologazione stradale come per i modelli precedenti, così la Ferrari introdusse la versione Challenge Stradale nel 2003. Si trattò di un modello che tracciò la linea di demarcazione fra le 348 e 355 sotto molti aspetti, e la prima auto della stirpe delle speciali berlinette Ferrari ad 8 cilindri il cui successo dura fino ad oggi.

Si trattava di una versione aggiornata della 360, caratterizzata da una trasmissione F1 più veloce, un minor peso e maggiore potenza. Quando venne presentata al pubblico nel 2003, suscitò molto scalpore: era un'auto pura e coinvolgente come nessun'altra auto sul mercato a quel tempo. Ad oggi, la Stradale non sente minimamente il peso degli anni, visto che è invecchiata benissimo. Cosa la rende così speciale? È rude e cattiva in quanto non ha compromessi: qui dominano l'alcantara e i materiali compositi, e tutta la macchina è votata al suo scopo. La trasmissione è lenta per gli standard di oggi ma è appagante da usare, in quanto ogni cambiata è accompagnata da un brusco calcio nella schiena. Il comando dell'acceleratore è reattivo e la maneggevolezza è ai massimi livelli: l'assenza di un'elettronica invasiva mette sotto torchio le tue capacità di guida, come una vera auto sportiva. Quello che rende quest'auto così desiderata è il fatto che fu prodotta nel momento di dominio assoluto di Schumacher in F1. La 360 Challenge Stradale ha in se un DNA vincente e un carattere tutto suo: questa è una delle supercar più pure che si possano comprare oggigiorno.

Probabilmente, la 360 con il suo carattere grezzo ed estremo era troppo per molti clienti, che richiesero alla Ferrari un'auto pronto pista più facile da utilizzare. Presentata nel 2007, la F430 Scuderia ha rappresentato uno step evolutivo importante in questa famiglia di Ferrari. Questo modello ha cambiato la filosofia costruttiva della Ferrari riguardo auto simili: nonostante si dichiarasse apertamente la sua derivazione corsaiola, la Scuderia era destinata ad un pubblico più ampio. Perse parte del carattere da omologazione speciale della 360 ma acquisì un carattere più docile nonostante il grande balzo in avanti rispetto al modello precedente. Siccome Michael Schumacher fu il responsabile per gran parte dello sviluppo e del collaudo della Scuderia, si rese possibile incrementare le prestazioni ad un livello mai visto prima.

L'introduzione del manettino sul volante rese possibile un cambiamento rapido ed istantaneo del set-up della macchina senza distogliere lo sguardo dalla strada. Lo scopo per cui la Scuderia è stata costruita domina la Scuderia, che offre un'esperienza di guida ancora più esaltante. È decisamente più matura e più avanzata della 360 che sostituisce. È confortevole su strada e velocissima su circuito: se la Challenge Stradale aveva il carattere di un ribelle, la Scuderia sembra essere un guerriero incredibilmente civilizzato, con un carattere veramente più coinvolgente.

Nel 2013, la Scuderia fu rimpiazzata da quello che è tutt'ora considerato un vero capolavoro e possibilmente l'ultima Ferrari equipaggiata con un motore aspirato, la 458 Speciale.

L'evoluzione di una Ferrari stradale di serie non vide mai uno step evolutivo così grande: il sistema Side Slip Control, che consentiva di mantenere l'auto in una derapata perfetta fra le curve, l'aerodinamica attiva e la risposta pronta del motore, diedero alla Speciale un posto veramente… speciale fra le berlinette Ferrari ad 8 cilindri più corsaiole. L'aggressività con cui questo Cavallino Rampante affrontava le curve era il tratto più distintivo del suo carattere: la trattabilità del telaio consentiva al pilota una guida di grande precisione con un feeling di guida unico.

Sebbene questa famiglia di Ferrari sia derivata dal campionato monomarca Ferrari Challenge, l'ultimo modello, la 488 Pista del 2018 discende dalla 488 GTE, un'auto nata per correre nelle competizioni internazionali. Utilizzando tecnologia da F1 come l'innovativo S-duct e un nuovo motore turbocompresso da 4 litri, la nuova Pista rappresenta un ritorno alle tradizioni corsaiole della 360 Challenge Stradale. Sviluppata dalle auto che corrono il campionato Endurance, la Pista rappresenta la somma di tutto il know-how Ferrari nel progettare una supercar a motore centrale. L'esperienza di guida è come avere una 458 Speciale steroidizzata: ti fa sentire come un pilota da corsa e ogni volta che la si guida sembra di essere alla 24 ore di Le Mans!

Le prestazioni della Pista sono molto simili alla mitica LaFerrari e ha una presenza scenica su strada a dir poco fantastica. La carrozzeria aerodinamica e il design favoloso impongono il medesimo rispetto delle grandi Ferrari del passato: i numeri possono definire una macchina, ma alla fine è la mente che tramuta questi numeri in realtà che definisce la pura bellezza.

Words: Jacopo Villa, contributor
Photos: Sajin Park
Cars: collezione privata


1 comment


  • dennis white

    Actually, the first V-8 was the wonderful Bertone Dino 308 GT4 introduced in 1974!


Leave a comment



 

The Outlierman Magazine

Un racconto dei più prestigiosi eventi motori.
Un viaggio nel cuore del made in Italy.
Un quaderno di stile.
Una grande avventura.

Il tuo carrello è vuoto Aggiungi al carrello
 

The Outlierman News

La passione per le auto nel mondo e nella storia:
i grandi eventi di oggi, le leggende di ieri
la classe dei Gentleman, le novità di The Outlierman.
Iscriviti alla newsletter e ottieni lo
sconto Welcome Gift -10%!