Il tuo carrello
Motori e buone maniere: 5 auto indimenticabili da Goodwood Revival 2019

Goodwood Revival è uno degli eventi più esclusivi e attesi da chi ama accostare la passione per le auto classiche a quella per l'eleganza espressa in ogni sua forma. Per un intero weekend di settembre è possibile tornare a respirare l'atmosfera che si viveva nel circuito di Goodwood tra 1948 e il 1966, quando era uno dei più prestigiosi al mondo, e i Gentleman e le Lady più sofisticati vi si incontravano in un’apoteosi di adrenalina e buone maniere.

Ancora oggi, Goodwood Revival riporta in vita la golden era in tutto il suo splendore grazie alla presenza di grandi piloti del passato, di uomini e donne elegantemente vestiti com’era in voga tra gli anni Quaranta ed i Sessanta, e di auto autenticamente leggendarie: quelle che hanno percorso la lunga strada della gloria da allora ad oggi, restando nella pole-position della memorabilità.

Per due giorni anche noi abbiamo potuto godere dello spettacolo del Goodwood Revival. Tra le infinite meraviglie davanti ai nostri occhi, ecco le 5 automobili che, secondo noi, ogni Gentleman driver dovrebbe avere la fortuna di vedere almeno una volta nella vita.

 

Porsche 904 Carrera GTS, 1965

Disegnata da Butzi Porsche, figlio di Ferry e nipote di Ferdinand Porsche, prodotta tra il 1963 e il 1964, fu la prima Porsche ad impiegare un corpo vettura completamente in vetroresina. Pensata e costruita per essere competitiva, il suo motore boxer da 1966 di cilindrata e 180 cv e si fece notare alla Targa Florio e 1000 km di Monza.

  

Jaguar D-type "long nose", 1955

Dopo la sconfitta a Le Mans nel 1954, che vide la Ferrari al primo posto e la Jaguar D-Type dopo, gli ingegneri della Jag trasformarono la lezione ricevuta in vantaggio. L’aerodinamica fu ripensata con un cofano esteso e, nel 1955, cinque D-type “long-nose” erano sulla linea di partenza a Le Mans: vinsero quell’anno e per i due successivi, continuando la serie positiva a Reims, Montlhéry, Goodwood e Silverstone.

  

Bentley 3-Litre Supercharged, 1923

Nientemeno che la prima sovralimentata di casa Bentley, nonché l’unica 3 litri sovralimentata del suo periodo. Venne creata abbinando una ventola Roots a un motore da 3 litri e diede il via alla stagione delle leggendarie Blower Bentley. Quest’auto ha subito numerosi incidenti che l’hanno distrutta: 1923, 1925, 1926… ma è sempre sta ricostruita ed è ancora qui, poderosa come non mai. 

  

Aston Martin DBR1, 1957

La DBR1 è un'autovettura da competizione prodotta dalla Aston Martin dal 1956 al 1962 in cinque esemplari. Realizzata per partecipare al campionato del mondo sport-prototipi, collezionò diverse importanti vittorie alla 24 Ore di Le Mans, alla 1000 km del Nürburgring, Goodwood, Spa-Francorchamps e al Tourist Trophy guidata da Stirling Moss e Tony Brooks.

  

Maserati 6CM, 1939

Al suo debutto a metà stagione 1936, con un t elaio tubolare montato su motore da 1500 cc completamente nuovo, la 6CM fu immediatamente la nuova vettura da battere. Pochi mesi dopo, al Motor Show di Milano, fu la prima Maserati ad essere mai esposta in un salone. Nelle stagioni successive, le 6CM segnarono molte vittorie di classe in tutta Europa.

Ci siamo rifatti gli occhi con le pietre miliari della meccanica su quattro ruote, abbiamo stretto mani e guanti da guida, incontrato sorrisi, ci siamo lasciati inebriare dal profumo di benzina e acque di colonia pregiate. Indimenticabile.

Foto: The Outlierman © 2019






Leave a comment



 

The Outlierman Magazine

Un racconto dei più prestigiosi eventi motori.
Un viaggio nel cuore del made in Italy.
Un quaderno di stile.
Una grande avventura.

Il tuo carrello è vuoto Aggiungi al carrello
 

The Outlierman News

La passione per le auto nel mondo e nella storia:
i grandi eventi di oggi, le leggende di ieri
la classe dei Gentleman, le novità di The Outlierman.
Iscriviti alla newsletter e ottieni lo
sconto Welcome Gift -10%!